Una delle soluzioni per ostacolare la caduta dei capelli, è l’utilizzo di shampoo anticaduta, a condizione che la causa non sia dovuta a particolari patologie. In questi casi, infatti, è opportuno rivolgersi ad uno specialista come un dermatologo o un tricologo per una diagnosi e, di conseguenza, una cura specifica. Ma anche nel caso in cui la genetica sia la causa della perdita dei capelli, l’utilizzo di uno shampoo anticaduta può comunque aiutare ad attenuare l’inevitabile perdita di capelli. Nell’abituale processo fisiologico, la perdita dei capelli è un evento comune e necessario per il ricambio dei capelli. Questo ciclo si ritiene “normale” se la perdita dei capelli, non supera il limite giornaliero di circa 50-60 capelli. Se invece si supera questo limite, bisogna ricercarne la causa poiché questo è un segnale di qualcosa che non va. Le cause possono essere diverse: cattive abitudini,  diete squilibrate, traumi, squilibri ormonali, ma anche l’uso di prodotti per capelli inadeguati potrebbe provocare una perdita dei capelli. La prima cosa da fare in queste situazione è non indugiare. E’ fondamentale rivolgersi al proprio medico, il quale interverrà nel modo più corretto. Le terapie da seguire per rallentare e bloccare la perdita dei capelli saranno prescritte dunque in base alla causa che l’ha provocata: shampoo anticaduta, fiale specifiche, integratori, laddove necessario. Dal punto di vista psicologico, il fatto di perdere i capelli o aspettarsi di perderli pone il soggetto nelle condizioni di vivere un’esperienza molto forte e mette a disagio sia gli uomini sia le donne. I capelli sono la cornice del viso, motivo d’orgoglio di molti uomini e simbolo di femminilità di altrettante donne, e quando li troviamo sul cuscino, nella vasca o nel lavandino raccontano un forte disagio che vorremmo eliminare immediatamente. Le cause che provocano la caduta dei capelli sono diverse e se in alcune circostanze il fenomeno si risolve da solo, in alcuni casi occorre chiedere l’intervento di uno specialista. Se nel passato non era possibile curare alcune patologie, oggi le nuove tecniche hanno permesso di ottenere dei risultati davvero notevoli nella cura contro la caduta dei capelli.

Funzioni dello Shampoo anticaduta

Principalmente lo shampoo serve a lavare i capelli e il cuoio capelluto che, se tenuto correttamente deterso, aiuta soprattutto nei casi di forfora e seborrea. Essendo prodotti che rimangono sulla testa temporaneamente, anche l’effetto che danno sarà temporaneo. Gli shampoo anticaduta, invece, hanno una composizione diversa, sono formulati in maniera da essere efficaci contro la caduta dei capelli pur rimanendo per poco tempo a contatto con il cuoio capelluto, poiché studiati specificatamente per essere assorbiti da questo. Anche se non può invertire la caduta eccessiva dei capelli, lo shampoo anticaduta è un ottimo sistema che aiuta a rallentare e prevenire il diradamento permettendone la stabilizzazione, in special modo se abbinato ad un balsamo o maschera ristrutturante. Scegliere il miglior shampoo per contrastare la caduta dei capelli è anche il miglior modo di trattare bene la capigliatura. Uno shampoo deve essere privo di sostanze chimiche come parabeni e solfati che contribuirebbero a danneggiare i capelli e deve essere scelto in base alle caratteristiche del cuoio capelluto del soggetto (grasso, secco, con forfora..) e naturalmente deve essere specifico per trattare il problema della caduta dei capelli. Ma indipendente dagli ingredienti che li compongono, gli shampoo anticaduta donano maggiore corposità alla capigliatura e la protegge dagli agenti esterni aggressivi che potrebbero procurare la perdita dei capelli stessi.

Come scegliere lo shampoo anticaduta

Dunque, prima di scegliere uno shampoo anticaduta, occorre fare attenzione alle specifiche caratteristiche che il prodotto deve avere per ottenere il massimo risultato. Innanzitutto deve essere delicato in modo da poterlo utilizzare con frequenza non deve contenere solfati o parabeni, con principi attivi di sicura efficacia ed equilibrato sulla pelle ( come già sottolineato). Naturalmente, come già anticipato precedentemente, questi prodotti danno un maggior risultato se usati in concomitanza con fiale anticaduta, poiché contribuiscono a coadiuvare l’effetto delle sostanze attive all’interno delle soluzioni farmacologiche prescritte dal medico. Inoltre, seppur non si sia alla presenza di un diradamento dei capelli, utilizzando questi prodotti nelle giuste dosi e con la giusta frequenza, è possibile contribuire a dare maggior vigore ai capelli fini o rovinati. Certi shampoo, infatti, favoriscono la circolazione sanguigna del cuoio capelluto e quindi stimolano il ciclo vitale del follicolo, che si mantiene vivo e non permette al capello di assottigliarsi e, di conseguenza, di cadere. Riuscire a mantenere un cuoio capelluto sano e deterso è sempre un elemento importante per contrastare la caduta dei capelli ereditaria e non, perciò l’utilizzo di uno shampoo anticaduta si consiglia comunque: gli effetti positivi di questo prodotto è sempre e certamente un valido aiuto per tutti. L’importante è scegliere un prodotto valido e dai comprovati effetti benefici.

Come scegliere uno Shampoo Anticaduta Capelli
3.7 (73.33%) 3 votes

Articoli correlati

Visita GRATUITA chiama ora!