La psoriasi cuoio capelluto è un disturbo che si manifesta con lesioni a placche, prurito, arrossamento e desquamazione della pelle. E’ molto simile alla forfora e qualche volta si confonde con la dermatite seborroica. La dermatite seborroica si presenta con una maggiore produzione di sebo: le scaglie tendono a un colore giallastro e sono unte. Un’altra caratteristica della dermatite seborroica è un prurito continuo ancora più fastidioso di quello della psoriasi, che invece è caratterizzata da scaglie bianche e asciutte. Nella forfora le scaglie tendono a essere piccole e fini, di colore giallastro o biancastro. La psoriasi del cuoio capelluto si manifesta con la desquamazione della pelle: le scaglie si staccano da sole scoprendo il cuoio capelluto di colore rosso poiché infiammato.

Quali sono i sintomi della psoriasi cuoio capelluto

I sintomi principali della psoriasi cuoio capelluto sono:

  • Arrossamento del cuoio capelluto
  • Desquamazione intorno al fusto dei capelli e sui vestiti
  • Aree irregolari dovute a eritema (lesioni a placche)
  • Secchezza
  • Bruciore
  • Perdita dei capelli

La psoriasi è una malattia della pelle e, infatti, può comparire non solo sul cuoio capelluto, ma anche in altre zone del corpo e colpisce sia uomini sia donne. La presenza di psoriasi può manifestarsi anche su gomiti, ginocchia, torace e dita. È dunque consigliato controllare ed esaminare anche queste parti del corpo che possono essere colpite dalla malattia. La psoriasi del cuoio capelluto deve essere affrontato in maniera più decisa nel caso in cui si sia estesa sulla fronte, dietro al collo o intorno alle orecchie. Questo potrebbe portare al diradamento dei capelli se non la perdita degli stessi. In questo stadio la malattia potrebbe influenzare in maniera negativa la qualità di vita del soggetto con risvolti psicologici importanti. In ogni caso, è consigliabile rivolgersi ad uno specialista per diagnosticare la patologia in modo corretto e trattarla in modo appropriato.

Cause e cure per la psoriasi del cuoio capelluto.

Esistono diversi tipi di psoriasi del cuoio capelluto e possono essere più o meno gravi. Nella maggior parte dei casi il disturbo è ereditario e cronico: si alternano periodi di remissione ad altri in cui i sintomi ricompaiono. Quando le cause sono di tipo immunitario ed ereditario,  diventa molto complicato determinare la giusta terapia da affrontare. A tutto ciò si deve aggiungere che questo fenomeno è legato alla sensibilità del soggetto e potrebbe risultare alquanto lunga la fase della guarigione. L’importanza di rivolgersi al medico specialista appare, quindi, fondamentale perché si possa individuare per tempo il tipo di gravità della situazione, per poi consigliare la terapia più corretta da seguire. I fattori scatenanti la psoriasi del cuoio capelluto sono diversi. Negli individui predisposti, l’eccessivo consumo di alcool e il fumo provocano un abbassamento delle difese immunitarie che portano alla comparsa della psoriasi. Tra le possibili cause sono da indicare anche cattive abitudini alimentari, traumi, infezioni, alcuni farmaci come quelli beta-bloccanti e cortisonici, e in particolar modo lo stress psico-fisico di chi soffre d’ansia e di attacchi di panico. In questi soggetti è possibile notare dei peggioramenti. L’aspetto psicologico infatti, influenza in particolar  modo l’avanzamento della patologia.  Un buon suggerimento sarebbe di continuare a vivere in modo normale, magari seguendo una corretta alimentazione  ricca di frutta e verdura, praticando sport per liberarsi dalle tossine e soprattutto dallo stress emotivo. Come già accennato in precedenza, questa malattia in molti casi è ereditaria. Nel caso in cui un soggetto si trovasse di fronte ai primi sintomi, non è necessario preoccuparsi ma agire prima possibile. Psoriasi cuoio capelluto Per diagnosticare la psoriasi occorre sottoporsi a una dermatoscopia, un esame approfondito sul cuoio capelluto, che mostra le eventuali alterazioni vascolari peculiari che permettono di distinguere la psoriasi dalla dermatite seborroica. Una volta formulata la diagnosi, anche attraverso l’anamnesi del paziente e l’eventuale familiarità della malattia, sarà possibile trovare la cura specifica. Attualmente, le scelte terapeutiche per la psoriasi del cuoio capelluto sono numerose ma non sono risolutive. Non è possibile guarire del tutto da questa malattia, ma è possibile monitorare la sua sintomatologia. Tra i trattamenti utili per combattere la psoriasi del cuoio capelluto, ci sono i prodotti corticosteroidi ad azione antinfiammatoria che riducono la desquamazione della pelle ostacolando l’eccessiva produzione di cheratinociti (cellule che formano l’epidermide). In molti casi, questa disfunzione viene curata con creme e lozioni topiche da impiegare direttamente sulla zona colpita. Il medico consiglierà se utilizzare un prodotto da banco come uno shampoo medicato, oppure un prodotto su prescrizione come ad esempio gli steroidi per uso topico. Generalmente nei casi di psoriasi è molto utilizzata la fototerapia, una tecnica curativa basata sull’uso della luce. Questo trattamento però è praticato soprattutto quando l’area interessata dalla malattia è limitata.

Per maggiori informazioni puoi chiamare il nostro il NUMERO VERDE ☏ 800 30 67 60 oppure prenotare una VISITA TRICOLOGICA GRATUITA presso un Centro Tricologico Tricomedit Group.

Psoriasi cuoio capelluto
5 (100%) 2 votes

Articoli correlati

Visita GRATUITA chiama ora!